23 giu 2015

Con l'inizio dell'estate 2015 ecco i primi pomodori maturati nel mio orterrazzo

L'estate è appena cominciata e anche quest'anno i pomodori che coltivo sul mio balcone, l'orterrazzo, han cominciato a presentarsi belli rossi, sodi e maturi giusto in tempo per festeggiare il solstizio. Di ritorno dalla nostra classica settimana a Finale abbiam trovato questi bellissimi pomodori ciliegini che facevano capolino in mezzo alle piante ormai rigogliose (son alte circa due metri) nei vasi sul terrazzo.
Come dicono Francesca e Ginevra altro che chilometro zero... questi son a metro zero, e soprattutto per Ginevra basta allungare una mano dalla finestra per raccoglierli.

E voi cosa coltivate sul terrazzo? avete anche voi un orterrazzo?


13 giu 2015

Buon compleanno piccola principessa Ginevra sette anni bellissimi


Tantissimi auguri piccola principessa, sette anni bellissimi con te, e con il tuo compleanno festeggiamo anche la fine del tuo primo anno di scuola, corre veloce il tempo ... mi sembra come fosse ieri il giorno che sei nata :)

Tantissimi auguri di buon compleanno Ginevra!


28 mag 2015

Tagliata di punta di petto di vitellone al porto rosso e paprika affumicata con porcini sottolio e peperoncini jalapeno grigliati


Adoro le tagliate di carne le preparo spesso e trovo che se cotte bene siano succulenti e gustose,  mi piace anche provare ad utilizzare tagli di carni diversi dai soliti, magari meno "pregiati" e quindi più economici, ma ottimi lo stesso. E' il caso della punta di petto che ho preparato l'altra sera, un taglio da noi utilizzato solitamente per lessi e brodo mentre negli States è spesso cotto nei barbecue. Una volta levata l'abbondante parte grassa che caratterizza questo tipo di carne, rimangono dei perfetti pezzi di muscolo belli rossi e molto magri, tutti dello stesso spessore, quindi ideali per una cottura uniforme.

Per rendere ancora più gustosa questa tagliata ho pensato di marinarla nel porto rosso e poi l'ho massaggiata con paprika affumicata, zucchero di canna (facilita la reazione di Maillard) e sale grosso. L'ho quindi abbinata a degli ottimi funghi porcini in olio di oliva, un classico sempre valido, e per dare un richiamo piccante a dei gustosi peperoncini jalapeno che coltivo sul mio orterrazzo,non son troppo forti e la loro caratteristica di esser belli "panciuti" li rende ideali da grigliare, nel caso vi sembrassero troppo piccanti potete alleviare la sensazione con dello yogurt intero :)


Ecco quindi la ricetta per cucinare questa fantastica tagliata di carne con funghi porcini:

Ingredienti per quattro persone


600 grammi di punta di petto (il peso è solo della parte rossa)
100 g di funghi porcini a pezzetti in olio di oliva
alcuni peperoncini jalapeno freschi
porto rosso
un rametto di rosmarino
alcune foglie di salvia
Paprika affumicata dolce
zucchero di canna
sale e pepe
pepe rosa per decorazione

Se ancora presente eliminare la parte grassa e le ossa dalla pezzo di carne di punta di  petto (non buttatelo è ottimo per fare un brodo), quindi sistemare la carne in una in una ciotola che la contenga quasi di misura, aggiungere un rametto di rosmarino, qualche foglia di salvia e bagnare con i porto rosso, coprire e lasciare marinare al fresco per un paio d'ore, rigirando ogni tanto.  Passato il tempo, prendere la carne scolarla dalla marinata quindi massaggiarla con paprika affumicata, zucchero di canna, pepe e sale grosso, lasciare riposare per una decina di minuti. Mettere la piastra di ghisa sul fuoco quando bella rovente, lasciarla ferma per cinque minuti, quindi girarli e cuocere per altri quattro minuti (con questi tempi la carne risulterà morbida e rosa / rossa al centro) . Levare la carne dalla piastra, coprirla con un foglio di carta di alluminio e lasciarla riposare per una cinque minuti almeno, in questo modo i succhi che il calore ha spinto verso l'esterno si ridistribuiranno all'interno rendendo più morbida e gustosa la carne. Nel frattempo tagliare parte dei peperoncini jalapeno a rondelle e cuocerli sulla bistecchiera rovente per pochi istanti, quindi cuocere anche quelli interi in modo da abbrustolirli leggermente; tagliare quindi la carne a fette e comporre il piatto sistemando da un loto alcune fette di tagliata, i funghi porcini sottolio al centro e dall'altro lato i peperoncini jalapeno, decorare con qualche bacca di pepe rosa e a piacere aggiungere un filo d'olio extra vergine di olica sulla carne.

Buon appetito a tutte e tutti!


26 mag 2015

Orata al forno con patate viola vitelotte arrostite e pomodorini


Ogni qual volta trovo le patate viola vitelotte le prendo sempre e non me faccio sfuggire, le trovo interessanti oltre che per il colore anche per il gusto che ricorda la nocciola e la castagna. Sono una specie piuttosto antica di patate originaria del Perù e ora molto coltivata in Francia. Hanno una buccia piuttosto spessa ma gustosa, basta lavarle bene per eliminare la terra, se invece la trovate troppo dura potete tranquillamente sbucciarle. Una caratteristica importante delle patate viola vitelotte è quella di essere ricche di antiossidanti, in particolare anche di antocianine, come i mirtilli, per cui vengono spesso chiamate patate "salva salute".

Questa volta ho scelto di cuocerle insieme ad una buona orata pescata, cuocendole al forno e profumando il tutto con delle prezzemolo e rosmarino. La ricetta è davvero semplice come potete vedere sotto ma vi assicuro davvero gustosa e saporita senza contare per molti la sorpresa di trovar nel piatto queste bellissime patate viola, magari tagliate con un coltella da giardiniera (a zig zag) come ho fatto io

Ingredienti per due persone

una orata cdi circa 800 grammi
300 grammi di patate viola vitelotte
alcuni pomodorini
prezzemolo fresco
rosmarino fresco
vino bianco scco
un paio di fette di limone non trattato
olio extra vergine di oliva
sale e pepe


Pulire l'orata eviscerandola ed eliminando le branchie, sciacquarla, salare e pepare l'interno e inserire due fette di limone non trattato. Lavare per bene le patate e tagliarle a fette con un coltello da giardiniera, versare un filo d'olio dentro una una teglia, aggiungere un po' di ciuffi di rosmarino quindi versare le patate e allargarle per bene, aggiungere qualche pomodorino tagliato a spicchi quindi ricavare una zona vuota nel centro e sistemarci il pesce, bagnare con poco vino bianco, aggiungere un trito rosmarino e prezzemolo, quindi un filo d'olio extra vergine di oliva e una presa di sale e pepe a piacere.  Cuocere in forno caldo a 180 gradi per 25 / 30 minuti. Sfilettare il pesce e servilo nei piatti con le patate arrostite.

Buon appetito a tutte e tutti con questa ottima orata e patate viola vitelotte arrostite al forno

18 mag 2015

Spaghetti alle lumachine di mare, maruzzelle, e finocchietto selvatico

Ultimamente questa spaghetti, insieme a quelli aglio olio e cannolicchi, sono i preferiti di Ginevra, chiede spesso di prepararli, anche perché le piace poi con uno stecchino mangiarsi le lumachine di mare; così l'ultima volta che li ho preparati mi son armato di reflex e ho scattato qualche foto per pubblicarla sul blog.

La ricetta è semplicissima e si prepara in meno di mezz'ora anzi direi una ventina di minuti, mentre cuoce la pasta si puliscono le maruzzelle, ovvero le lumachine di mare, e si prepara il sugo, un piccolo trucco è quello di sbollentarle velocemente in acqua salata, in modo da eliminare la sabbia e la piccola parte dura attaccata al mollusco. Questa volta ho scelto di profumarla con un po' di finocchetto selvatico, trovo che con il suo sentore fresco e "anicioso" sia l'ideale per questi sughi. Se non lo avete o non lo travete, potete usare la "barbetta" verde dei finocchi.

Ecco quindi la semplicissima ricetta per preparare questi deliziosi spaghetti:

Ingredienti per due persone

140 grammi di spaghetti di grano duro
150 grammi di polpa di pomodoro
150 grammi di lumachine di mare (maruzzelle)
uno spicchio d'aglio
finocchietto fresco
vino bianco secco
olio extravergine d'oliva
peperoncino
sale

Mettere su l'acqua,  quando bolle salare e cuocerci gli spaghetti di grano duro secondo il tempo di cottura riportato lasciandoli al dente. Nel frattempo in un'altra pentola con acqua bollente salata far andare per un minuto le lumachine, quindi scolare agitando energicamente, in questo modo perderanno tutte la sabbia. In una padella capiente versare un un paio di cucchiai d'olio evo e lo spicchio d'aglio, far imbiondire quindi aggiungere  le lumache di mare e il peperoncino, quindi bagnare il vino bianco e far sfumare, aggiungere la polpa di pomodoro, una presa di finocchietto selvatico, aggiustare di sale e far andare per dieci minuti.  Quando la pasta è pronta scolarla e farla andare in padella con il sugo di lumachine saltando per un minuto. Servire al centro dei piatti quindi aggiungere ancora un po' di finocchietto selvatico.

Buona appetito a tutte e tutti!

11 mag 2015

Coltivare l'orto sul balcone: nei miei vasi crescono piccole gemme rosse i ravanelli!

Con la primavera inoltrata l'orterrazzo, ovvero il mio piccolo orto sul balcone, comincia a dare i primi frutti al lavoro svolto sinora, giusto ieri ho colti i miei primi ravanelli!  Li vedevo che facevano capolino dalla terra nei vasi dove li avevo seminati un mesetto fa, così mi son deciso e li ho raccolti!  Era la prima volta che piantavo e coltivavo i ravanelli e devo dire che l'esperimento è perfettamente riuscito, erano belli sodi, croccanti e soprattutto BUONI!
 
Io li ho piantati nelle classiche fiore da 500 cm, facendo due file e mettendo un seme ogni 3 centimetri circa, se posso dare solo un piccolo consiglio tenete sempre abbastanza umido li terreno in cui crescono.

E voi li avete mai piantati sul terrazzo i ravanelli?

28 apr 2015

Come preparare dei fantastici cartocci monoporzione di pesce persico con spinaci, finocchietto e basilico


Questa semplice ricetta l'ho preparata qualche sera fa in pochissimo tempo, l'idea era quella di fare dei cartocci di pesce, ho quindi pensato di farli monoporzione, in modo che ognuno avesse il suo e anche per far si che nello spazio così più ristretto si sarebbero aromatizzati meglio. Ho quindi preso del pesce persico e ho preparato questi semplici ma davvero gustosi cartocci, ho usato una base di spinaci su cui ho messo una fetta di limone poi il persico e aromatizzato il tutto con il finocchietto selvatico, ne ho una bellissima pianta che sta crescendo sul mio orterrazzo, e del basilico, entrambe apportano note fresche che ben si sposano sia con il pesce che con il finocchietto. Una cosa interessante di questa ricetta è che non si aggiunge nessun grasso grazie alla carta da forno e soprattutto i filetti si cuociono nel loro vapore in poco tempo, una decina di minuti. Il risultato è davvero ottimo e gustoso, non immaginate il profumo che si sente appena aperti i cartocci: limone, finocchio, basilico..... fantastico davvero! I piatti son stati letteralmente spazzolati!

Ecco quindi la ricetta per preparare questi ottimi cartocci di pesce persico con spinaci, finocchietto e basilico:

Ingredienti per quattro persone

un filetto di persico persico di circa 600 grammi
un ciuffo di spinaci freschi
un limone non trattato
basilico fresco
finocchietto selvatico
sale e pepe

Tagliare in quattro parti il filetto di pesce persico, lavare per bene gli spinaci, le erbette e i limone, quest'ultimo tagliarlo a fette non troppo sottili.  Tagliare quattro pezzi di carta da forno abbastanza grandi da contenere ognuno il pesce e gli spinaci ed essere richiusi a pacchetto, quindi piegarli in due e su ognugno adagiare gli spinaci, una fetta di limone, il pezzo di pesce e un po' di finocchietto e basilico (vedi foto sopra) , salare e pepare a piacere, quindi richiudere per bene ogni cartoccio in modo da mantenere all'interno il vapore. Cuocere in forno caldo per circa 8 / 10 minuti a 180 gradi. Servire al centro dei piatti stando accorti quando si apre il cartoccio, il vapore è molto caldo.

Buon appetito a tutte e tutti con questi fantastici cartocci monoporzione di pesce persico!

22 apr 2015

La ricetta facile, buona ed economica: sgombri con piselli, pelatini e finocchietto



Adoro il pesce azzurro, lo preparo spesso, è ottimo e gustoso, frescco e spesso pescato vicino ma soprattutto è anche economico, come ad esempio gli sgombri, qui è raro che superino i sette euro al chilo e spesso si trovano a 4 / 5 euro. fanno anche bene perché son ricchi di omega 3 quindi davvero bisognerebbe  consumare più spesso pesce azzurro.

Come dicevo preparo spesso gli sgombri e ho già postato numerose ricette ad esempio queste tre:

- Filetti di sgombro panati alle due carote su crema di Asiago stagionato e carciofi croccanti ne cotti ne crudi

- Cartoccio di filetto di sgombro con sale al rosmarino e maggiorana 

- Filetti di sgombro marinati con succo di limone alla menta bergamotto e pomodori secchi sottolio a julienne 

Ma se spulciate nel blog troverete parecchie altre ricette che un pubblicato in passato. Questa volta invece ho preferito optare per un classico, gli sgombri con i piselli, ho solo leggermente modificato la ricetta usando dei pomodori pelatini, ovvero dei piccoli perini pelati, e ho dato un po' di profumo e sapore fresco con del finocchietto selvatico (ne ho una bella pianto sul #orterrazzo). Ho cotto il tutto in forno ed il risultato è stato davvero ottimo.


Ecco quindi la ricetta per preparare questi ottimi sgombri con piselli, pomodori pelatini e finocchietto al forno:

Ingredienti per 4 persone

4 sgombri freschi
due etti di piselli
300 grammi di pelatini
alcuni rametti di finocchietto selvatico
origano
vino bianco secco
olio extra vergine di oliva
sale e pepe

Pulire ed eviscerare gli sgombri, levare la testa. versare un figlio d'evo in una teglia e adagiarci gli sgombri, aggiungere i rametti di finocchietto selvatico, i piselli e i pelatini, bagnare con un po' di vino bianco secco, quindi salare e pepare a piacere e aromatizzare con un po' di origano. Cuocere in forno caldo ventilato a 180 gradi per circa 15 / 20 minuti. Servire ai centro dei piatti decorando con un po' di finocchietto selvatico.

Buon appetito a tutte e tutti


17 apr 2015

Come preparare un ottimo cuscus con verdure saltate, fiori di erba lepre e timo limone


In questi primi giorni di primavera e sole l'orterrazzo de la piccola casa è davvero spettacolare, le piante stan crescendo e la maggior parte son in fiore, in particolare l'erba lepre ha dei bellissimi profumati, ho quindi pensato di utilizzarne qualcuno e visto che era un po' che volevo preparare il cuscus ho realizzato questa semplice ma vi assicuro davvero gustosa ricetta. Ho abbinato il cous cous a delle verdure saltate in padella, io ho usato peperoni, carote e zucchini, ma ci può sbizzarrire a scelta, ed ho aromatizzato con  il tutto per l'appunto sia con i fiori e le foglie dell'erba lepre e del profumatissimo timo limone.

Come dicevo il piatto è stato un vero successo! Fresco e gustoso, leggero e profumato, abbiam fatto tutti il bis compreso la piccola principessa Ginevra :)

Ecco quindi facilissima ricetta per preparare gusto fantastica cuscus con fiori e verdure:

Ingredienti per 4 persone

250 grammi di cuscus precotto
mezzo peperone rosso
3 carote
3 zucchini
alcuni rametti di timo limone
alcuni rametti di erba lepre in fiore
prezzemolo
uno spicchio d'aglio
vino bianco secco
Olio extra vergine di oliva
sale e pepe

Lavare le verdure e le erbette, quindi mettere a bollire il prezzemolo in acqua poco salata, sbucciare le carote, pulire gli zucchini e il mezzo peperone quindi cubettare le verdure (tagliarle a piccoli cubetti), far saltare le verdure in padella con qualche cucchiaio d'olio e ad uno spicchio d'aglio schiacciato per cinque minuti, nel frattempo separare i fiore dalle foglie di erba lepre, spezzettare quest'ultime e aggiungerle. insieme a qualche rametto di timo limone, alla padella con le verdure, bagnare con il vino bianco, far svaporare ed aggiustare di sale e pepe a piacere. assaggiare le verdure e terminare la cottura per un minuto (dipende dal "grado" di croccantezza desiderato).

In una grande ciotola versare un paio di cucchiai d'olio extra quindi aggiungere il cuscus, versare quindi 350 cc del brodo di prezzemolo preparato, rimescolare e lasciare assorbire completamente, quindi con una forchetta sgranare per bene il cuscus. Aggiungere le verdure e qualche fiore di erba lepre e mescolare per bene, aggiustare a piacere di sale e pepe. Sistemare un coppapasta al centro del piatto, riempire con il cous cous e decorare con qualche fiore di erba lepre e qualche rametto di timo limone.

Buon appetito e buon week end a tutte e tutti!

10 apr 2015

Cucinare il pesce in forno: Lampuga con finocchietto, erba luisa e coriandolo al porto bianco


In questi giorni sul mio orterrazzo è davvero arrivata la primavera in particolare molte erbe aromatiche stan crescendo rigogliose e profumate; logico quindi che quando ho comprato queste due bellissime lampughe ho pensato ad utilizzare proprio le erbe aromatiche, si abbinano molto bene con i pesci ed in particolare con la lampuga, in effetti l'ho già presentata altre volte come qui e qui, questa volta in particolare ho deciso di cucinarle al forno, profumandole con l'ottimo finocchietto e coriandolo, dandogli un sentore di agrumi con l'erba luigia (erba cedrina) e una nota particolare con il porto bianco. Durante la cottura ho ogni tanto aperto leggermente il forno per togliere un po' di umidità in modo da lasciare più sode e arrostite le carni del pesce.  Il risultato è stato davvero ottimo, un pesce veramente gustoso e profumato, una ricetta semplice ma che da grandi soddisfazioni, ecco quindi come cucinare questi ottimi pesci al forno, le lampughe con erbette e porto bianco

Nella foto erba luisa e finocchietto


Ingredienti per quattro persone

due lampughe
coriandolo fresco
alcuni rametti di finochietto
alcune foglie di erba luisa
un bicchierino di porto bianco
sale fino marino

Eviscerare i pesci ed eliminare le branchie, sciacquarli quindi salarne l'interno e aggiungere alcuni rametti di coriandolo fresco, alcuni di finocchietto e un qualche foglia di erba luisa. Adagiarli sua una placca da forno ricoperta con l'apposita carta, quindi mettere ancora qualche rametto di coriandolo e bagnare con poco porto bianco. Cuocere in forno caldo a circa 180 / 200 gradi per 25 / 30 minuti aprendo di tanto leggermente lo sportello.

Estrarre il pesce dal forno quindi pulirlo e servirlo al centro dei piatti decorando con un rametto di finocchietto.

 Buon appetito a tutte e tutti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis