4 lug 2008

Brutto ma buono; Scorfano in guazzetto allo zafferano


Il titolo potrebbe sembrare strano ai più, ma in quel di Genova, ed immagino anche in altre luoghi, lo scorfano è proprio l'esempio del concetto del "brutto ma buono", anzi per noi dare dello scorfano a qualcuno o qualcuna non è proprio un complimento ....equivale all'altro modo di dire (scusate non so scrivere il genovese) t'ei ciu brûtta che ou peccôu ovvere: sei più brutta che il peccato. Divagazioni linguistiche a parte, lo scorfano è un pesce dalle ottime carni che spesso danno il meglio di se in zuppe, guazzetti e cacciucchi. Nel week end ne ho trovato due dal mio pescivendolo e li ho subito comprati pensando di farli per l'appunto in un guazzetto aromatizzato allo zafferano.

Per questa preparazione ho usato del brodo di pesce che avevo preparato in precedenza e congelato, se non lo avete potete prepararlo semplicemente con le due teste degli scorfani stessi. Inoltre l'aggiunta di zafferano ha dato un tocco e un profumo esotico al già ricco sapore.

Alla fra è piaciuto parecchio e anche alla piccola deve essere altrettanto piaciuto visto che dopo cena si è fatta una mega poppata ...

Ecco quindi la ricetta per preparare questo ottimo scorfano in guazzetto allo zafferano

Ingredienti per due persone

due scorfani di circa 400 - 500 grammi ognuno
3 mestoli di brodo di pesce
mezzo porro
una costa di sedano
3 chiodi di garofano
una carota piccola
una costa di sedano con le foglie
zafferano (una bustina)
Olio extra vergine di oliva (evo dir si voglia)
3 pomodori perini (o simili)
mezzo bicchiere di vino bianco secco
un rametto di rosmarino
sale

Lavare la carota, il sedano e il porro quindi tritarli, tagliare i pomodori a cubetti. Pulire i pesci eliminando la testa, le viscere e le pinne (non gettare via potete usarli per fare un ottimo brodo di pesce), quindi lavarli per bene e squamarli.
In una casseruola versare alcuni cucchiai d'olio e far appassirci il porro, la carota, il rosmarino e il sedano, quindi aggiungere i due pesce e bagnare col vino bianco, far svaporare l'alcol ed aggiungere due mestoli di brodo, i chiodi di garofano, lo zafferano e i pomodori, far cuocere per una decina di minuti, aggiustare di sale e terminare la cottura per altri 5 - 10 minuti.

Servire in piatto fondo il pesce con parte del guazzetto e delle verdure, eventualmente aggiungere dei crostini di pane bruschettati.

Buon appetito e buon week end a tutte e tutti con questo ottimo guazzetto


Technorati Tags: , , , , ,

7 commenti:

nini ha detto...

miam, dev'essere buonissimo!Non mangio abbastanza pesce...ouff!

Mercè ha detto...

Il piato mi piace molto!!!!!!
Ma mi piaceria piu vedere una foto da Ginebra´
È una bambina bellissima!!!!!!!!!!

Fabietto ha detto...

Ciao Max spero tutto ok...ti invito ad un'iniziativa particolare se ti fa piacere passa per il mio blog...un abbraccio Fabio

anna righeblu ha detto...

Dare dello scorfano a qualcuno ha lo stesso significato anche qui a Roma e, credo, nel Lazio.
Vero che ha un sapore decisamente buono...io non amo i pesci con le spine ma, per questo, faccio un'eccezione!
La ricetta mi piace e...si presenta bene!

Buon weekend e un saluto a Fra e Ginevra :)

Elena ha detto...

Brutto???
Ma dove????
Bellisssimo e sicuramente buonissimo.
Complimenti per il tuo blog,che presenti molto bene.
Anche le foto sono presentate benissimo con gusto,tornerò a trovarti sicuramente a me le ricette interessano tutte anche se non sono brava come te.

Nic ha detto...

scusa e la testa?

max - la piccola casa ha detto...

x nini: si è molto buono, ma come mai non mangimolto pesce?

x mercè: grazie, effettivamente Ginevra è bellissima!!!!

x fabietto: grazie

x anna righe blu: grazie, è bello poter sapere che acuni modi di dire sono simili in altre regioni d'italia.

x elena: grazie!!


x nic: le due teste le ho usate per preparmi dell'altro brodo di pesce che ho poi congelato.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis