24 ago 2007

La ricetta della paella di mare ( marisco ) de la piccola casa


Ieri, come scritto nel post precedente, per festeggiare il primo anno di vita de la piccola casa, ho preparato una bella paella di mare. La ricetta di per se non è per niente complicata, è solo un po’ laboriosa la preparazione, però ne vale la pena!
La paella è un piatto unico che prende il nome dalla particolare padella / tegame in cui si prepara. È tipica di tutta la Spagna in particolare della zona di Valencia (paella alla valenciana) e si può preparare con tutti gli ingredienti che si vuole.
Questa mia versione deriva da quella tipica di mare (in spagnolo paella de marisco)con l’aggiunta di alcuni ingredienti che avevo in freezer e che, visto che l’operazione svuota freezer non è ancora finita, dovevo utilizzare.
Il risultato è stato ottimo, ho accompagnato il tutto con un ottimo Priorat di Alvaro Palacios del 2001.
Un consiglio se andate a Barcellona non comprate la paella nei bar lungo le ramblas, il più delle volte è una squallida imitazione industriale surgelata.
Ecco quindi la ricetta e la preparazione della paella di mare de la piccola casa.
E grazie ancora a tutti quanti han fatto gli auguri a la piccola casa e tutti quanti leggono questo blog per quest’anno “passato insieme”.
Ingredienti per 4 persone

300 gr di riso (va bene il carnaroli)
500 gr di muscoli (mitili o cozze
1 calamaro di circa 2 o 3 etti (farlo pulire dal pescivendolo oppure usare gli anelli surgelati )
3 etti gr di seppioline (van bene quelle surgelate)
una manciata di gamberetti (circa 2 o 3 etti)
8 gamberoni
1 peperone
100 gr di piselli
1 filetto di cernia
vino bianco
paprika
3 pomodori ramati
aglio
olio EVO (extra vergine di oliva)
un litro di brodo di pesce
un cucchiaino di pistilli di zafferano ( o due bustine)

Preparazione

Pulire e lavare i muscoli (mitili o cozze), toglierci il bisso (la barbetta che esce dalla valva) . lavare i gamberoni e gamberi, sgusciare quindi alcuni gamberetti eliminando le teste. Se non lo ha fatto il pescivendolo pulire il calamaro quindi tagliarlo li calamari ad anelli (volendo si possono usare direttamente gli anelli di calamari surgelati).
Aprire i pomodori, eliminare i semi e tagliarli a brunoise, eliminare quindi i semi al peperone e tagliarlo anch’esso a brunoise.
Fare aprire i muscoli in padella con un goccio di vino bianco su fiamma normale per qualche minuto. Sistemarle da parte e filtrare il liquido rimasto con un colino. Aggiungerlo quindi al brodo di pesce e portare a ebollizione.
Scaldare in una larga padella due tre cucchiai di olio evo on uno spicchio di aglio in camicia.
Unire quindi gamberi e i gamberoni e farli rosolare per alcuni minuti (diventeranno rossi). Toglierli e tenerli da parte. Eliminare quindi lo spicchio d’aglio.

Mettere ora i calamari e le seppie e farli rosolare qualche minuto, aggiungere quindi il filetto di cernia tagliato a pezzettini. Unire la brunoise di peperoni e pomodori e cuocere quindi per 5 minuti. Aggiungere un po’ di paprika, aggiungere quindi i piselli.
Mescolare tutti gli ingredienti ed unire il riso e subito coprire con il brodo bollente. Unire lo zafferano, mescolare e tenere il fuoco vivo qualche minuto.
Moderare la fiamma e cuocere il tutto per 15 minuti senza mescolare. Se il brodo dovesse asciugarsi troppo, unirne un po’ senza mescolare.
Trascorsi i 15 minuti aggiungere le i gamberi e i gamberoni, i muscoli (le cozze) cuocere per alcuni minuti ancora.
Servire calda al centro del piatto.

se volete completare il vostro menù spagnolo provare anche queste due ricette:

Buon appetito Olè!


14 commenti:

Viviana ha detto...

Auguuuriiiiii!!!! mi sembra un piatto eccellente per festeggiare in bellezza un anno di post culinari!!!
ma... lo sapete che la settimana prossima mi ingozzerò di paella?? eh eh! tra voi e la sangria della trattoria MuvArA la preparazione delle me papille gustative è riuscita alla perferzione!!
ciauuuu

Aiuolik ha detto...

La paella de marisco non l'ho mai fatto, io faccio sempre quella mista (c'è anche nel nostro blog).
Per quanto riguarda il mangiare la paella a Barcellona mi trovi perfettamente d'accordo, che delusione :-(
L'unica nota positiva è stata che i miei amici hanno apprezzato ancora di più la mia :-)))
Alla prox,
Aiuolik

Mitì ha detto...

Gli auguri fatti in ritardo li accetti lo stesso? :-***
(e ora m'è anche venuta voglia di paella...)

Pausan ha detto...

Hola!

que agradable ver que has hecho una Paella, y con buenos resultados, felicidades por tu primer año desde Mallorca, España.

Dav ha detto...

The most famous spanish food. I love it!
Me gusta, es favulosa!
Un piatto eccellente

dav ha detto...

The most famous spanish food. I love it!
Me gusta, es favulosa!
Un piatto eccellente

Rita & Mimmo ha detto...

Alla ricerca di approfondire la conoscenza della Paella sono capitato nel tuo blog al quale ci siamo iscritti.
A Barcellona la Paella buonissima si mangia al Ristorante "Le 7 Porte" e a Valencia, quella, veramente eccezionale, di solo pollo, in una cittadina vicina. Se volete saperne di più andate al nostro blog http://ritaemimmo.blogspot.com/, cliccate l'etichetta "Paella" o "Barcellona" e "Valencia" e troverete anche i link dei ristoranti.
Abbiamo anche un blog di cucina e ci farebbe piacere se ci deste un'occhiata. L'indirizzo è http://cucinasuditalia.blogspot.com/

Dimenticavo, prepareremo la vostra ricetta domenica prossima, vi faremo sapere del risultato anche se porteremo una variante, la finitura della cottura in forno, come da "norma".
Arrileggerci

Anonimo ha detto...

L'ho mangiata a casa di amici propio ieri sera ed era buonissima.E' stata una serata tipicamente spagnola con tapas,paella e sangria a volontà.

daniele ha detto...

mi sono trovato a cucinare la paella per necessita', ma questa è un'altra storia. domani devo preparare una paella per 8 persone e sabato una da 11 e una da tre. proviamo la ricetta de - la piccola casa - fatemi un im bocca al lupo - crepi - lo aggiungo io. A proposito complimenti per il nome - la piccola casa - mi intriga... ciao da un provetto cuoco per necessita'

Anonimo ha detto...

splendida anche questa paiella ..sarà perchè sono attualmente molto a dieta ..no scherzavo sei un maestro bacio simmy

Anonimo ha detto...

Dio ci scampi dagli appassionati di cucina che propongono roba congelata per preparare una bontà come la Paella!!

Massimiliano Fattorini ha detto...

e come mai Dio in persona dovrebbe salvarti dal poveri mortali apossianati di cucina che utilizziamo le seppioline surgelate? anzi lo sai che come per il polpo la surgelatura aiuta a rendere più morbidi questi molluschi :-)

PS ho parlato col principale del piano di sopra e mi ha detto che pur al ristorante dove lavorano artusi, escoffier e Apicio insieme utilizzano ognitanto del pesce surgelato perché han problemi con i pescivendoli volanti che son in agitazione per via della crisi ....

Anonimo ha detto...

io ho fatto questa ricetta... è stata buonissima! solo ke per capire il tt ci sn volute 2 benedettissime ore!!!!

Massimiliano Fattorini ha detto...

come ci è voluto così tanto tempo? se mi indichi dove è maggiormente incomprensibile cerco di modificarlo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis