23 mag 2011

Riso Acquerello invecchiato 7 anni con piccoli scampi


Era un po' di tempo che volevo preparare il riso acquerello, un riso veramente unico al mondo che viene fatto invecchiare da grezzo per 7 anni e poi raffinato lentamente, questo particolare invecchiamento e processo di raffinazione fa si che stabilizzi particolarmente l'amido e che questo non si disperda durante la cottura, quindi non si attacchino tra di loro i chicchi, inoltre grazie al lungo invecchiamento assorbe meglio i liquidi e quindi i sapori. Ho cercato quindi una semplice ricetta per esaltare il gusto di questo riso e la scelta è caduto su di un classico il risotto agli scampi. Dal mio pescivendolo di fiducia ho preso dei bellissimi scampi piccoli e quindi questo week end mi son messo sotto, detto fatto puliti e cotti gli scampi mi son dedicato al risotto, mi ha subito piacevolmente colpito sua il profumo che si sentiva durante la cottura, direi quasi erbaceo, sia la fluidità del riso che non si aggrumato assolutamente.
Il risultato? veramente ottimo, il riso avevo completamente assorbito il gusto degli scampi ed è inutile dire che è finito in un istante. Un risotto che consiglio veramente  a tutte e tutti.

Ecco quindi la ricetta per preparare questo particolarissimo risotto invecchiato con gli scampi.


Ingredienti per due persone

200 gr di riso acquerello invecchiato 7 anni
20 scampi piccoli
1 piccola cipolla;
vino bianco secco
burro chiarificato
prezzemolo tritato
Brodo vegetale
Olio evo
aglio
sale.


Pulire gli scampi eliminando le teste e con un coltello incidere il dorso per renderne più facile l'apertura nel piatto. Mettere le teste dentro il brodo vegetale e portare a bollore insieme a un po' di vino secco. In questo modo il brodo vegetale si arricchirà del gusto e del profumo degli scampi.


In una piccola padella far saltare le code degli scampi precedentemente ottenute con un po' d'olio evo e uno spicchio d'aglio incamiciato e una presa di sale, quindi metterli da parte.

In una padella far "sudare" nel burro la cipolla precedentemente tritata  quindi tostarci per qualche istante il riso, sfumare con un po' di vino bianco e aggiungere un po' di brodo e aggiustare di sale, continuare la cottura sino a quando il risotto sarà pronto (circa 15 muniti) bagnando con il brodo, a cottura ormai quasi ultimata unire le code degli scampi e mantecare con una noce di burro per un minuto.

Servire al centro del piatto e decorare con un trito di prezzemolo.
 
Buon appetito e buona settimana a tutte e tutti con questo ottimo risotto invecchiato agli scampi!

5 commenti:

dolceamara ha detto...

Scopro oggi questo riso così particolare e visto il tuo risultato immagino sia davvero una prelibatezza

Olga ha detto...

Questo riso deve essere veramente molto buono!!!! complimenti!!!

Gio ha detto...

la ricetta è ottima! :)
questo riso che non conoscevo neppure di nome me lo devo assolutamente procurare, bellissima dritta che ci hai dato, grazie!

Valentina ha detto...

Un risotto perfetto, qualità del riso ottima e i sapori del pesce fresco. A mio avviso i piatti meditati a lungo premiano sempre, e qusto è uno di questi casi. A presto!

Federica ha detto...

stupendo questo piatto! complimenti!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis